Mercedes 900x490
maggio 29, 2016 Uncategorized Nessun commento

DIAGNOSI

Prima di intervenire allo smontaggio per la revisione cambio automatico presso il nostro centro, eseguiamo una diagnosi elettronica dei vari sistemi al fine di verificarne il perfetto funzionamento.

PREVENTIVO

Rilevato l’eventuale guasto, il cambio viene distaccato dal veicolo ed inizia la sua dissezione. Vengono controllati lo stato degli organi conduttori: – Alberi – Tamburi – Ingranaggi – Calettature – Usura della pompa olio – Boccole di scorrimento e cuscinetti Subito dopo viene redatto un preventivo di riparazione ed inviato al cliente.

INTERVENTO

Nel caso di conferma, si procede alla revisione totale del cambio con ricambi originali o comunque di qualità analoga. Il convertitore può essere montato sia nuovo che rigenerato (il rigenerato è coperto da garanzia di 12 mesi) a secondo degli accordi presi con il cliente. Per alcuni veicoli il costo del convertitore rigenerato è piuttosto oneroso. Dopo il convertitore si procede alla sostituzione di tutte le guarnizioni: – O’ring – Fasce elastiche – Rasamenti – Boccole – Se necessario apportiamo modifiche a particolari di – serie che riteniamo non efficienti e duraturi – nel tempo. Vengono sostituite tutte le frizioni e relativi dischi di acciaio, controllate le tolleranze della pompa olio ed eventualmente si procede con la sostituzione. Tutti gli organi del cambio vengono sottoposti a lavaggi approfonditi e accurati, in quanto una volta riassemblato, non devono essere presenti impurità di nessun tipo. Maggior cura viene dedicata al gruppo comando valvole che è il cuore pulsante del cambio. Pulito accuratamente deve essere minuziosamente esaminato nei suoi componenti: pistoni, molle e fermi, poiché dotato di solenoidi. I solenoidi vengono sottoposti a lavaggio e controllo taratura. Nel caso di irregolarità si procede alla sostituzione con dei nuovi. Il gruppo viene sottoposto a modifiche interne, poiché dai costruttori ci vengono comunicate applicazioni per una maggiore affidabilità del prodotto. Si procede poi nel ricomporre il tutto in locali asettici. La bulloneria viene sottoposta a serraggio con chiavi dinamometre. Una volta completo di tutte le sue parti viene caricato di olio, collaudato e poi montato sul veicolo. E’ necessario prestare attenzione e cura al radiatore dell’olio montato sul veicolo. Deve essere pulito da ogni residuo di olio esausto e depositi ferrosi. Nel caso in cui non si riesca alla pulizia, è necessario provvedere alla sostituzione anche perché in alcuni casi sono oggetto di infiltrazioni di antigelo nell’olio. Per verificare eventuali infiltrazioni, disponiamo di un testo chimico che rivela il glicole presente nell’olio che è causa di ossidamento, grippaggio e che deteriora sia le guarnizioni che le frizioni ed in marcia si avvertono forti vibrazioni in accelerazione.

Written by admin